Solitamente in Italia, quando si parla di innovazione nel mondo alimentare, tutti si mettono sulla difensiva e gridano “Eresia!”. A quanto pare non più. Già da qualche anno infatti il settore del “food printing” sta vivendo un periodo di grazia, vedendo il fiorire di un mercato totalmente nuovo che abbraccia ormai gli alimenti più disparati, passando dalla cioccolata alla pizza 3D appunto. Per quest’ultimo alimento poi si guarda già all’alta qualità, con collaborazioni come quella fra BeeHex e lo chef internazionale Pasquale Cozzolino, che ha contribuito al progetto di una macchina in grado di stampare pizze 3D mantenendo caratteristiche importanti come l’utilizzo del lievito madre.

Anche il cibo diventa 3D

Il motivo è piuttosto semplice, come per la normale produzione industriale, con la stampa 3D si ha modo di abbattere fortemente i costi di produzione, mantenendo uno standard qualitativo estremamente omogeneo sui prodotti. Per quanto riguarda poi i prodotti, e non solo gli alimenti, composti da miscugli, quindi da miscele di polveri e solventi, come potrebbe essere il cemento, il processo risulta particolarmente favorevole, riducendo al minimo la perdita di qualità rispetto alle tecniche realizzative tradizionali ed ottimizzando tempi e costi di produzioni. La dimostrazione è la nascita delle prime società in grado di stampare case in 3D. Ovviamente la stampa riguarda solo lo scheletro e le parti in muratura, tutti gli altri lavori vengono eseguiti con tecniche tradizionali, ma a guardar bene non manca molto prima che si possa dire di avere una casa interamente stampata in 3D, arredi compresi.

pizza 3D
unsplash.com

La prima abitazione di questo tipo costruita in Europa si trova a Milano, in piazza Beccaria, ad opera di Massimiliano Locatelli di Cls Architetti. Realizzato nel 2018, si tratta di un edificio di 100 mq distribuiti su un solo piano. Sono attualmente in corso gli studi per la realizzazione del secondo piano, segno evidente che non sono ancora pienamente note le possibilità tecniche di questo sistema costruttivo, ma l’entusiasmo generale è motivato dai promettenti risultati finora raggiunti.

Ad oggi le stampanti 3D iniziano a farsi largo nel mercato di massa, raggiungendo così prezzi abbordabili e prestazioni elevate, ma purtroppo la gamma si limita ai modelli in grado di stampare polimeri plastici o vegetali, materiali utilizzati principalmente per gadgettistica ed elementi d’arredo, in quanto ovviamente ogni modello è predisposto per stampare solo una limitata qualità di materiali. Manca ancora del tempo quindi prima di frasi tipo “Te le ricordi le lasagne di nonna?! Come le stampava lei…”

Video – prima casa stampata in 3d



Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche:
Avatar
Nato a Viterbo il 15 agosto 1992. Laureato in Design della Comunicazione al Politecnico di Milano nel 2016 Laureando in Cinema, Video e Nuove tecnologie per l’Arte all’accademia di Brera. Amante delle filosofie orientali ma anche di cinema, fotografia, e videogames, vede una sottile connessione fra discipline che spesso sembrano non averla. Qualcuno gli da ancora del romantico quando parla di cambiare il mondo, un’idea alla volta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here