Il passaggio dal negozio fisico al digitale (retail ibridation) è il tema dell’intervento di Alberto Pasquini al Digital Day 2018, ne riportiamo un estratto ed il video.

Lo smartphone ha unito tutte le generazioni che non possono più appartenere ad una categoria di appartenenza ma le unisce tutte. La fiducia verso i millenial è spropositata a mio avviso, perché molti sono senza lavoro e vivono ancora a casa dei genitori.

Ricordiamoci comunque che ad oggi le vendite che avvengono nel fisico coprono 80%  ed online il 20%, anche se rapidamente questa tendenza cambierà.

Retail ibridation

Inevitabilmente lo spazio fisico per sopravvivere al digitale dovrà diventare “Destinazione” e quindi trasferire al consumatore che vi si recherà quella sorpresa, entusiasmo, passione, cultura ed esperienza che solo il luogo sa trasmettere perché non ha filtri e perché deve essere capace di raccontare la sua storia e come in un film, quelli con una storia si ricordano e si tramandano e quelli senza si dimenticano facilmente. Come in un film il design, gli arredi, le invenzioni, luci, colori, suoni, profumi se sapientemente mixati tra loro aiutano a farsi ricordare ed a far parlare di se.

Progettare uno spazio fisico ed un concept non è più l’esercizio creativo di un architetto ma è lo sforzo di un team di professionisti guidati dal loro sapere e dalla loro cultura come: architetti, designers, grafici, architetti del digitale, storyteller, psicologi, andropologi, sociologi, it managers, che dovranno abituarsi a lavorare ed a progettare insieme ed in modo omogeneo.

Retail Ibridation! Dal negozio fisico al digitale con empatia.
Alberto Pasquini Digital Day 2018 – Retail Ibridation! Dal negozio fisico al digitale con empatia.

Dal negozio fisico al digitale con empatia

I brands che non avranno il coraggio di modificare il loro modo di lavorare e progettare insieme saranno rapidamente espulsi dal mercato per lasciare il posto alle aziende digitali che rapidamente prenderanno il loro posto anche nel fisico. Presto vedrete diversi esempi nel mondo di questo cambiamento che sta avvenendo rapidamente.

La parola chiave rimarrà da oggi in futuro l’Empatia, ovvero quella capacità di progettare ed agire in funzione del dialogo, della condivisione, in un rapporto professionale, vero, sincero ed umano.

Quindi sarà importante per tutti i brands cambiare il loro modo di operare ed addestrare gli uomini di contatto che la tecnologia ha liberato dalle loro normali attività per trasformarli in ambassador, consiglieri, educatori, suggeritori.

Dovremo imparare ad usare tutto quanto ci verrà messo a disposizione della tecnologia per ritagliare il nostro tempo per assistere le persone nello spazio fisico aiutandole nella tecnologia, assisterle nelle vendite, consigliarle sull’uso dei prodotti e dei servizi per facilitare le persone nelle loro operatività.

L’umanità che sapremo esprimere farà la differenza tra i competitors, perché la tecnologia non potrà mai possederla. La tecnologia ci darà un valido aiuto anche perché sempre di più l’ibridazione degli spazi e dei servizi sarà accentuata ed imprevedibile come presto vedrete dagli esempi che vi mostrerò.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

Articolo precedenteDove è Internet? La struttura fisica di quel magico World Wide Web
Articolo successivoCosa è la geoarchitettura, quali sono i suoi principi fondanti? Ce lo spiega l’Arch. Paolo Portoghesi
Alberto Pasquini nasce a Milano il 20 aprile 1948, studia al Liceo Linguistico Internazionale di Milano, con periodi di approfondimento a Cambridge e Heidelberg. Dal 1973 al 1976 lavora all'ufficio pubblicità, promozioni e PR di Emi Italiana a Milano. Dal 1976 al 1980 è capo ufficio internazionale della Emi Italiana con soggiorni a Los Angeles e Londra. Nel 1981 fonda Creativity, che in pochi anni diventa una delle realtà più innovative nel settore dell'In Store Communication. Nel 1993 dagli USA gli viene offerto l’incarico di aprire la filiale italiana di Popai Europe, e porta in breve l'associazione da 6 a 130 associati. Nel 1996 viene nominato capo di Popai Europe, con sede a Parigi, da dove coordina tutte le sedi europee. Nel 2011 fonda Crea International, promuovendo una metodologia innovativa denominata Physical Brand Design, rivoluzionando il mondo dell'architettura e del design. Ad Aprile 2017 con lui nasce Retail Design Italy, riunendo in un nuovo team esperti visionari fantasticatori retail chiamati "Empathy Concept Designers" altamente qualificati per la loro lunga esperienza nel retail service design che condividono modelli di servizi retail e visioni avanzate di concept innovativi capaci di unire il fisico ed il digitale. La loro metodologia unisce la parte strategica e consulenziale del mondo fisico e digitale. Recentemente Retail Design Italy viene ribrandizzata in “ Excellence Design” nella quale con Pasquini Presidente confluiscono le operatività retail-office e smart working e product design. Excellence Group è ad oggi l’unica realtà italiana che offre al mercato in maniera sinergica ed orizzontale le divisioni: Excellence Consulting-Excellence Innovation-Excellence Education ed Excellence Design.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here