Cos’è la  gig economy, il caso Taskrabbit e come il digitale cambia il mercato del lavoro.

Avete mai sentito parlare di “Gig Economy”? Sapete di cosa si tratta? Beh probabilmente dovreste, dato che gli esperti ritengono che entro il 2020 riguarderà il 40% dei lavoratori di un sistema economico consolidato come quello Americano.

“Gig economy”: la sua traduzione più comune è economia dei lavoretti o un mercato libero dove gli impieghi temporanei sono comuni e le aziende impiegano lavoratori indipendenti per occupazioni a breve termine. Niente di troppo nuovo tutto sommato, in Italia già esistono esempi di questo nuovo mercato del lavoro, basti pensare a Uber e ai fattorini del cibo di Glovo, Foodora (etc.) che già da un po’ di anni sono presenti sul territorio e vengono utilizzati dai cittadini quotidianamente.

14“Gig economy” o economia dei lavoretti… uber ne è l’esempio più conosciuto. Photo credit freestocks-photos, by pixabay

Caratteristiche della Gig Economy

Le caratteristiche comuni a tutte le aziende della gig economy è l’essere online e svolgere il ruolo di intermediario tra il cliente e il lavoratore indipendente, da una parte garantendo qualità e sicurezza al cliente e dall’altra permettendo al lavoratore indipendente di raggiungere più clienti grazie al servizio fornito. Proprio questo servizio è la chiave di volta del mercato dei lavoretti, pensato per tutti è erogato unicamente attraverso l’App dell’azienda che diventa la sede fisica dell’impresa, o meglio il contatto con il mondo fisico.

Gig Economy e App

L’app rimane ancora il campo in cui si gioca la partita dell’innovazione, un lavoratore o una qualsiasi persona con del tempo libero possono in qualsiasi momento prendersi carico di un compito, svolgerlo e venire pagati per averlo fatto, unico requisito la registrazione all’app. Lo smartphone, stavolta come una bussola puntata sul prossimo lavoro disponibile, si insinua tra le relazioni della nostra società a volte “ottimizzandole” altre volte sostituendosi completamente a queste. Non più il semplice passaparola e una raccomandazione per svolgere un lavoretto come un trasloco, appendere un quadro o fare la spesa, adesso basta scorrere la lista delle persone disponibili su un’app. Questo allarga sicuramente il bacino di utenza e permette a più persone possibili di mettersi in contatto ma elimina una dinamica della nostra società e riduce il contatto umano, anche se dove è stato provato ha dimostrato il contrario. In sostanza l’universo digitale si sta dimostrando benefico anche per quelle attività che di tecnologico sembrerebbero non avere nulla, come appunto quella di “tuttofare”.

Il caso TaskRabbit

Il caso di TaskRabbit, un app made in Usa, ha sbaragliato la concorrenza abbandonando il mercato specifico come le consegne a domicilio di cibo o noleggio con conducente, per affrontare un mercato più vasto di lavoretti in generale. Se c’è bisogno di una mansione da svolgere c’è un runner (letteralmente “corridore”) disposto a svolgerla, basta scegliere dalla lista e dopo aver letto recensioni e “stelline” ricevute dall’operatore si può iniziare la mansione. Una volta svolto il lavoro sarà il cliente a dare un voto alla prestazione e scrivere una recensione sul runner che poi riceverà il pagamento sempre attraverso l’app. TaskRabbit è online dal 2008 e dieci anni dopo può vantare già servizi esclusivi per i suoi “impiegati” in grado di aiutare a svolgere meglio il proprio lavoro come tenere la contabilità e pagare le tasse, accedere ad assicurazioni sanitarie, noleggiare una macchina ed usufruire di tariffe telefoniche agevolate. Quest’impresa ormai diffusa in 47 città americane, 4 città nel Regno Unito e una in Canada è diventata a tutti gli effetti un “super” datore di lavoro che garantisce se non i diritti dei lavoratori, quantomeno un accesso semplificato a questi.

In futuro il datore di lavoro sarà un’App?

Pratiche come quella di TaskRabbit, potrebbero essere una cura al sistema del lavoro nostrano sicuramente affetto da immobilismo, incapace di adattarsi ai nuovi tempi, alle nuove figure professionali e alle nuove mansioni. Oggi un’app può diventare un centro per l’impiego e funzionare meglio di qualsiasi legge, può essere un datore di lavoro e uno strumento per quantificare in denaro un lavoro, un lavoretto, una mansione o una prestazione.

*Gig: prestazione musicale dal vivo, tipica del Jazz e della musica popolare.

 

 

parole chiave: gig economy, economia, app, taskrabbit, uber, glovo


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

Desidero inviare a Moondo una (scegli l'importo)
carte paypal



Potrebbe interessarti anche:
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here